WORKSHOP / TEATRO DELLA CARNE

SAB25FEB10:00WORKSHOP / TEATRO DELLA CARNEa cura di Lotus Associazione Culturale

ORARIO

(Sabato) 10:00

DOVE

TEATRO DELL’ORTICA

via S. Allende 48, 16138

SCHEDA


Il laboratorio indaga il senso della ritualità del gesto attraverso elementi di tecnica e di improvvisazione legati al teatro fisico e al teatro-danza. Dopo un training fisico di riscaldamento si analizzeranno gli elementi della ripetitività gestuale all’interno di una narrazione fisica, della dilatazione, delle variabili di velocità e rallentamento rispetto all’ascolto del momento in cui l’azione avviene, in ascolto con sé stessi e con gli altri. La narrazione e l’improvvisazione verteranno sulle tematiche affrontate all’interno dello spettacolo “Sbranarsi”: la terra, la femminilità, l’animalità del corpo, la paura, il dominio e la sottomissione.
Sessione mattutina:
10.00 – 13.00 Training fisico/elementi di composizione di partiture fisiche
14.00 – 16.00 Sessione di improvvisazione regolata rispetto al lavoro del mattino


WORKSHOP + SPETTACOLO “SBRANARSI”

costo 50 euro


INFO E PRENOTAZIONI
tel. 010.8380120 (Lun-Ven 10.00/16.00)
e-mail organizzazione@teatrortica.it


Premessa
Tra il 2020 e il 2021 ho scritto tre testi senza sapere che si trattasse di una trilogia alla quale soltanto adesso derei il nome
TRILOGIA DELLA CARNE
Ne fanno parte per nascita e nel seguente ordine:
LE MIE REGOLE TRA I DENTI ovvero una riscrittura su Cappuccetto Rosso
RED ROOM
e infine
SBRANARSI
Sono tre testi che sono diventati degli spettacoli, ognuno rappresentato in uno spazio diverso, nel periodo in cui lo spazio “dentro” e lo spazio “fuori” hanno avuto un valore totalmente diverso da prima.
Il primo è stato rappresentato nel bosco di Baratti, il secondo in un appartamento.
Soltanto il terzo è stato rappresentato in un contesto più ordinario, con una visione frontale, all’interno del festival Contamina 2021.
Ma forse, quest’ultimo, ha trovato un’energia diversa recentemente, quando quest’estate ne abbiamo portato un estratto in spiaggia, a Follonica, sotto una luna gigantesca.
Questo mi conferma che ciò che ho iniziato a cercare due anni fa, senza sapere esattamente cosa stessi cercando, era un contesto materico e fisico da poter toccare.
Toccare con la mente Con la parola Con il corpo
La ricerca che sto facendo, continuando a scrivere, è quella di creare una sensazione tangibile, tattile, che si rifletta sul derma e negli organi interni.
Lo stesso livello di suggestione e di emozione sto cercando di crearla attraverso questi tre spazi fisici che sono appunto mente/parola/corpo
L’intento, credo, sia cercare una concretezza che possa arrivare con una potenza emotivamente comunicativa forte e destabilizzante con tutti e tre gli strumenti citati sopra.
Riuscire a creare “la tempesta perfetta” con la combinazione di tutti e tre gli elementi è ciò a cui ambisco.
Per chi agisce.
Per chi assiste.
Senza esclusione dell’uno e dell’altro. E lo sottolineo.
La tempesta perfetta si realizza insieme.
Come è insieme che si celebra un rituale.
Lo celebra qualcuno PER qualcun altro ATTRAVERSO un mezzo.
Ho passato gli ultimi due anni a cercare qualcosa senza sapere che cosa fosse.
Sto comprendendo solo adesso che CON il Teatro io voglio aprire una porta che vada OLTRE.
Perché con il Teatro si viaggia.
Stando in un luogo.
In quel luogo si concentra un’energia.
Che non è mai la stessa.
Che tipo di energia sia dipende dal mezzo che si usa. Dipende da cosa si vuole
DIRE.
Sbranarsi è l’ultimo capitolo di questa trilogia carnale. Nata in solitudine quando quella porta che va oltre si è aperta.
Credo di averlo aperta io.
Stando sulla soglia di quella porta ho visto:
lupi pecore e agnelli morsi corpi viscere e orgasmi e subito dopo lacrime e bocche aperte senza che capissi se urlavano per la fame per la rabbia o per la colpa.
Senza sapere se quella porta desse sull’inferno.
Senza sapere se quello che ho visto mi sia piaciuto o mi abbia fatto paura.
E credo.
Che sia stato un mix di entrambe le cose.
Chiara Migliorini Direttrice artistica Associazione Culturale Lotus

Scrivi un commento

Torna in cima