IL VIAGGIO DI ANDALO’ DA SAVIGNONE

Quando:
29 Novembre 2014@21:00
2014-11-29T21:00:00+01:00
2014-11-29T21:30:00+01:00
Dove:
Palestra Rollero – Cral AMGA
Via Piacenza
58, 16138 Genova
Italia
Costo:
INTERO 8 € RIDOTTO 6 € | SOCI NUOVO CIEP 5 €
Contatto:
TEATRO DELL'ORTICA
010 8380120

 

ANDALO'

IL VIAGGIO DI ANDALO’ DA SAVIGNONE SULLA VIA DELLA SETA
Spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Giovanni Meriana

drammaturgia a cura di Mirco Bonomi
con Mirco Bonomi e Mauro Pirovano
scene e costumi Emilia Bruzzo e Roberto Bassignani
regia Mauro Pirovano e Mirco Bonomi

Lo spettacolo narra le avventure di Andal , un giovane che decide di lasciare il suo paese, Savignone (GE), per intraprendere un lungo viaggio, che lo porterà a diventare ambasciatore dell’Imperatore dei Mongoli presso il Seggio Pontificio di Avignone, viaggio che 50 anni prima affrontò Marco Polo in modo quasi identico.
I pochi frammenti documentati di questa storia hanno portato l’autore a “romanzare” la vicenda, inserendo accanto a personaggi reali figure inventate e dialoghi di cui non resta memoria.

La storia viene raccontata con la tecnica della narrazione, con cambi temporali in cui Andal si trasforma in narratore – cronista neutrale degli accadimenti. L’interpretazione di Andal , personaggio non violento, spirituale, pacifista ante litteram, e di Nicola, il suo amico alter ego che impersona la ruvida concretezza contadina, è affidata a Mirco Bonomi, mentre Mauro Pirovano si muove sulla scena con leggerezza, diventando, di volta in volta, personaggio di contorno al monologo/dialogo del protagonista e all’occorrenza “servo di scena”.
La scenografia è volutamente scarna, limitandosi ad una ricostruzione storica delle carte topografiche dell’epoca dei viaggi di Andal .

Le lingue usate sono, alternativamente, l’Italiano e il Genovese, scelta voluta per avvicinare un pubblico più vasto al mondo e alla lingua delle nostre tradizioni.
Lo spettacolo è contemporaneamente un incrocio fra una narrazione ed un incontro informale conj il pubblico sul percorso che ci ha portato a questo lavoro.

Lascia un commento